Home / Parto / Dopo il parto / Lotus Birth: una nuova tendenza o un rituale per rendere indissolubile il legame materno?

Lotus Birth: una nuova tendenza o un rituale per rendere indissolubile il legame materno?

In un nostro precedente post abbiamo già accennato a questa nuova scelta durante il parto del taglio tardivo del cordone ombelicale dalla placenta: il Lotus Birth.
Ormai da qualche anno questa procedura dopo parto sta prendendo sempre più piede anche in Italia, ma leggiamo cosa accade se una neomamma decide di partorire in un ospedale con operatori sostenitori della Lotus Birth.

Perchè lasciare il neonato attaccato alla placenta dopo il parto?

La risposta non è molto semplice, anche perchè i sostenitori del Lotus Birth si basano sull’idea che il distacco madre-figlio che avviene durante il parto, debba avvenire secondo i tempi stabiliti dalla natura senza interventi esterni, definendo questa procedura come un rituale del dopo-parto e dei primi giorni di vita del neonato.

Dare il tempo necessario affinchè questo avvenga naturalmente sembra importante per stabilizzare il sistema respiratorio e tutti gli altri organi.

Non la pensano così gli oppositori a questa procedura, i quali sostengono che la placenta diventi dopo il parto soltanto un organo morto pronto a deteriorarsi;altri invece basano il loro dissenso semplicemente sulla difficoltà nella gestione di questo tipo di nascita da parte dei genitori, nel badare al piccolo e anche alla sua placenta.

Taglio tardivo del cordone ombelicale

Di certo un punto di vista unico sul taglio tardivo del cordone ombelicale dalla sua placenta non c’è, poichè è ancora una realtà poco studiata dal punto di vista medico-scientifico, però di sicuro ove è possibile è comunque consigliato il taglio tardivo del cordone ombelicale, così come il contatto della pelle immediatamente successivo al parto tra madre e figlio, così come anche l’immediato attaccamento al seno materno.

E’ importante che come per ogni nuova tendenza, non si diano pareri o giudizi prevenuti, ma attendere adeguate ricerche che dimostrino i punti deboli e forti di questo attaccamento del cordone alla placenta anche dopo la nascita.

Tu cosa ne pensi di questa pratica dopo la nascita di un bambino?

Sceglieresti un ospedale in cui si può decidere di lasciare il proprio figlio attaccato alla placenta dopo il parto?

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*