Home / Cura del bambino / Disturbi agli occhi perfino in neonati: come prevenirli e diagnosticarli

Disturbi agli occhi perfino in neonati: come prevenirli e diagnosticarli

Quando si parla di problemi alla vista si pensa subito agli adulti, ma purtroppo anche i bambini e i neonati possono avere dei disturbi alla vista che se non diagnosticati in tempo potrebbero creare problemi per una crescita neurologica e cognitiva corretta.

E’ molto importante programmare le visite pediatriche oculistiche già dal primo anno di vita, infatti oggi le nuove tecnologie sono in grado di individuare disturbi alla vista anche in bambini non in grado di collaborare.

Dove rivolgersi per visite pediatriche oculistiche specializzate

A Roma nella sede di Palidoro, presso l’Ospedale Pediatrico del Bambino Gesù, da 2 anni è attivo l’Ambulatorio di Genetica Oculare, dove è attivo dal 2012 anche un reparto per la riabilitazione visiva in età pediatrica.

Nell’ambulatorio di Palidoro si effettuano diagnosi dei disturbi della vista in età infantile e diagnosi e gestione delle malattie degenerative ereditarie del sistema visivo.

Infatti, grazie all’uso di nuove tecnologie di diagnosi, come la Next Generation Sequencing, attraverso l’analisi molecolare del DNA, attraverso un campione di sangue o di saliva, si possono scoprire eventuali mutazioni genetiche responsabili di malattie degenerative della retina. Inoltre è possibile capire quale tipo di problema ha il bambino e di quale variante della malattia si tratta.

Quali sono i problemi alla vista più frequenti nei bambini

L’ambliopia

Cos’è l’Ambliopia? è più comunemente conosciuta come “l’occhio pigro”, il quale può portare anche alla perdita della vista nell’occhio malato, poichè il bambino utilizza solo l’occhio sano. Una volta diagnosticata l’ambliopia, lo specialista può decidere di occludere l’occhio sano con speciali cerotti, costringendo in questo modo all’occhio pigro di lavorare. In caso di presenza anche di ipermetropia, vengono prescritti anche degli occhiali.

La miopia congenita

Questo tipo di miopia, la non corretta visione da lontano, è dovuta a cause genetiche, che porta ad avere un bulbo oculare leggermente allungato posteriormente. La miopia normale si presenta solitamente nell’età scolastica e può essere di varie entità, la miopia congenita invece è molto elevata e talvolta si presenta sin dalla nascita o nei primissimi anni di vita. E’ necessario diagnosticarla con visite precoci e correggerla secondo prescrizioni dello specialista.

La cataratta congenita

Di solito questo tipo di opacità della lente dell’occhio attraverso cui passano i raggi luminosi colpisce le persone anziane, ma la cataratta congenita insorge alla nascita o entro i primi sei mesi di vita.
Questa malformazione oggi può essere corretta sostituendo il cristallino opacizzato dell’occhio con uno trasparente, con un intervento rapido e sicuro.

Come contattare l’ambulatorio di Palidoro dell’Ospedale del Bambino Gesù, per patologie degenerative oculari ereditarie: è possibile accedere da tutta Italia con l’impegnativa del pediatra, richiedendo un appuntamento, tramite il Cup dell’Ospedale del Bambino Gesù.

Telefono: 0668181

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*