Home / Tutto sul bambino / Le paure del bambino: superarle per crescere

Le paure del bambino: superarle per crescere

paure del bimboLa paura è un sentimento naturale e innato che il bambino prova sin dalla nascita: non a caso la prima emozione che si prova fuori dal grembo materno, esposti all’aria fredda, alle luci, ai rumori, è la paura che si manifesta con il pianto. Appena ritrova il calore e l’abbraccio della madre il bambino si tranquillizza, infatti è importante che fin da subito il bambino riceva dai genitori quell’affetto che lo accompagnerà per molti anni della sua vita.

La paura nei primi mesi di vita

L’ansia del distacco dalla mamma fa sentire il piccolo vulnerabile, privo di qualcuno che si prenda cura di lui, per questo è molto importante la frequente presenza e il contatto costante degli adulti, rassicurano il bambino e lo distolgono dalla paura di essere lasciato solo.

La paura dell’estraneo si manifesta intorno agli 8 mesi di vita: in alcune situazioni nuove, in ambienti nuovi e con gente che non conosce, il bambino si sente minacciato e si mette a piangere. A questa età il piccolo è capace di distinguere i visi di chi gli si pone vicino e quelle che prima per lui erano semplici sagome con occhi nasi e bocca che lo facevano sorridere, ora definiscono il viso di una persona.

La paura del buio in genere si manifesta dopo il primo anno di età, dopo i 18 mesi, come anche la paura dei rumori forti, degli animali o dei tuoni di un temporale: la paura dell’ignoto è una tappa evolutiva obbligatoria per un bambino.

Come comportarsi davanti alle sue paure

Prima di tutto bisogna evitare di rimproverare il piccolo se si mostra pauroso davanti a certe situazioni oppure con persone che vede per la prima volta, bisogna rispettare i suoi sentimenti e non sminuirli.

Il primo passo per aiutarlo è quello di ascoltarlo, capire quali sono i motivi per lui ben precisi che gli procurano timore; ad esempio se ha paura del cane bisogna capire che ha ragione, il cane quando abbaia fa tanto rumore da metter paura, però bisogna rassicurare il bambino che non c’è nulla da temere perchè il cane è legato e dietro al cancello.

Sentirsi capiti dalla mamma è molto importante, come  anche un abbraccio per rassicurarlo.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*