Home / Cura del bambino / I disturbi nei primi 3 mesi di vita

I disturbi nei primi 3 mesi di vita

Disturbi del neonatoColiche gassose

Le coliche gassose neonatali, si presentano sopratutto dopo i pasti (poppate), in particolare dopo quelli serali. Esse possono essere presenti nei neonati durante i primi 3 mesi di vita e presentarsi in forma acuta o più lieve. I sintomi delle coliche gassose neonatali sono: pianto inconsolabile e contrazione delle gambine all’addome.

La causa è dovuta all’ingerimento di aria durante le poppate e alla fermentazione del latte materno nell’intestino.

Quali possono essere i rimedi

Un rimedio efficace, se pur scontato, per attenuare il fastidioso dolore al pancino e l’inconsolabile pianto, è dato dai massaggi da fare sull’addome in maniera circolare oppure sulla schiena, tenendo il bambino a pancia in giù: il contatto e la presenza materna o paterna tranquillizzano il bambino calmando il pianto e di conseguenza anche le coliche gassose.

Si potrebbe provare a scaldare il pancino con una borsa dell’acqua calda ( che non sia bollente), ma bisogna soprattutto cercare di mantenere la calma perchè il bambino percepisce le tensioni della madre, cercare di coccolarlo dolcemente sussurrandogli magari paroline dolci oppure canzoncine; alcuni bimbi riescono a calmarsi anche con l’aiuto del ciuccio, altri invece si calmano se sentono un suono particolare come il rumore del phon o dell’aspirapolvere.

È molto importante controllare anche l’alimentazione della madre che allatta, infatti si pensa che la colica gassosa neonatale sia legata all’ingerimento di alcuni alimenti da parte della madre, non mangiare quindi, sia per evitare coliche che per evitare alterazioni del gusto del latte:

  • Cavoli, cavolfiori, broccoli, cardi,asparagi, verza, cicoria, rape, radicchio, carciofi, pomodori acerbi, patate inverdite, funghi, aglio crudo, cipolla cruda, porro, erba cipollina;
  • Selvaggina, cacciagione, carni conservate, insaccati, wurstel, zampone, cotenna, bovino con gelatina in scatola;
  • Formaggi come camerbert, cheddar, gorgonzola, pecorino, brie, provola affumicata, roquefort;
  • Strutto, lardo, panna, maionese, insalata russa, dado da brodo, ketchup, noce moscata, curry, peperoncino;
  • Mitili, molluschi, polpa di granchio, gamberetti, surimi, acciughe salate, acciughe sott’olio;
  • Castagne, frutta secca, legumi poco cotti;
  • Alcolici e caffeina

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*