Home / Guida alla gravidanza / Andare in vacanza col pancione

Andare in vacanza col pancione

Sicuramente anche quest’anno abbiamo già fissato una meta per dove andare in vacanza, con la sola differenza che magari quest’anno abbiamo un bel pancione da portare a spasso!
A una mamma in attesa una vacanza è proprio quel che serve per fare un pieno di energia e di benessere prima del parto, concedersi un periodo di riposo e di svago.

Non esistono mete controindicate in gravidanza: mare, montagna, città d’arte o viaggi esotici, l’importante è avere il buon senso  di organizzare tutto in modo adeguato alle proprie esigenze fisiche.
Prima di partire è sempre bene consultare il proprio ginecologo per una visita di controllo e informarlo sulla vacanza in programma chiedendo il suo parere.

Andare in vacanza durante la gravidanzaQuale mezzo di trasporto è più adeguato per una donna incinta?

Senza dubbio l’aereo è più indicato se il  viaggio è molto lungo, in questo modo renderemo il viaggio più veloce e inoltre eviteremo vibrazioni e sobbalzi che si possono verificare durante un viaggio in auto, non esponendo quindi l’utero a sollecitazioni che potrebbero stimolare la sua attività contrattile. Se il viaggio dovesse durare diverse ore, la donna deve fare due passi di tanto in tanto per favorire la circolazione delle gambe.

Nel caso si dovesse rimanere sedute si possono muovere i piedi ruotandoli facendo piccoli cerchi oppure alzando rapidamente le punte tenendo i talloni a terra.

Le compagnie aeree imbarcano le donne incite?

In generale le compagnie aeree imbarcano donne incinte fino all’8° mese, per viaggiare anche durante le quattro settimane che precedono il parto, è necessario  munirsi di un certificato del ginecologo che attesti il buono stato di salute della donna. Quindi per viaggiare in aereo durante la gravidanza bisogna informarsi in anticipo con la compagnia aerea prescelta per evitare complicazioni d’imbarco dell’ultimo minuto.

E’ consigliato viaggiare in nave o in traghetto in gravidanza?

La nave e il traghetto sono altrettanto sicuri dell’aereo a patto che la donna incinta non soffra di nausee, se così non fosse certamente un viaggio in mare complicherebbe le cose. Nel caso non potesse esserci alternativa ad un viaggio in mare per tamponare il disturbo delle nausee è consigliabile sgranocchiare dei crackers e indossare i braccialetti contro il vomito.

E’ possibile affrontare un viaggio in auto o in treno in gravidanza?

Nel caso in cui la futura mamma è sana e alla visita del medico non sono state riscontrate alcune dilatazioni dell’utero, si può fare il viaggio con tutta tranquillità.

In auto è sempre consigliato allacciare la cintura di sicurezza, anche se il codice della strada prevede l’esenzione per le donne incinte: infatti recenti studi hanno dimostrato che in caso di incidente il trauma per la mamma e il feto sono minori se si usa la cintura.

E’ consigliato anche di viaggiare in auto durante le ore più fresche della giornata, fare soste frequenti per fare due passi che riattivino la circolazione e tenere sempre a portata di mano una bottiglia d’acqua, sopratutto se fa caldo.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*