Home / Benessere e prevenzione / Conoscere e combattere i radicali liberi

Conoscere e combattere i radicali liberi

I radicali liberi sono molecole (gruppi di atomi legati tra loro) del nostro organismo molto instabili, composte da ossigeno che, legandosi ad altri elementi, danno origine ad un processo fisiologico normale in un organismo di una persona sana, in quanto è attrezzato per far fronte alla presenza di questi radicali liberi, difendendosi con il sistema anti-radicale detto sistema antiossidante. Se però la quantità di radicali liberi prodotta è superiore a quella fisiologica, il nostro sistema antiossidante non è più in grado di neutralizzare questo processo e i radicali liberi determinano l’usura di corpo e mente.

Molte malattie dovute all’invecchiamento come arteriosclerosi, cataratta, morbo di Alzheimer, morbo di Parkinson, sono caratterizzati da prevalenza dei sitemi ossidativi, ovvero dall’eccessiva presenza dei radicali liberi.

Combattere i radicali liberi

Gli agenti che determinano la formazione di radicali liberi sono:

fattori chimici: tutti i farmaci di sintesi chimica, le droghe, il fumo, l’alcool e tutte le sostanze inquinanti

fattori fisici: radiazioni a bassa frequenza, campi elettromagnetici, rumore, radiazioni ultra violette e ionizzanti, radio frequenze, microonde

fattori biologici: vaccini, parassitosi, malattie infettive

fattori mentali: depressione, attacchi di panico e ansia, stress continuo

fattori nutrizionali: disturbi alimentari, errata alimentazione

Gli antiossidanti presenti in natura sono nella frutta e negli ortaggi: alimentarsi con frutta nera tipo l’uva nera e prugne nere, miritlli, more, fragole, tale frutta è al primo posto per potere antiossidante; quando la dieta e uno stile di vita con sane regole non dovesse bastare per combattere i radicali liberi, è consigliabile ricorrere ad una adeguata integrazione a base di antiossidanti che concorrono a neutralizzare i radicali liberi e ad evitare i danni ad essi correlati.

Test per stabilire lo stress ossidativo

Quando prevale la produzione di radicali liberi, si viene a determinare un danno definito stress ossidativo; esso si può analizzare, permettendo di valutare il reale stato delle nostre difese fisiologiche e di segnalare squilibri e tendenze verso gli stati patologici. Oggi è possibile effettuare dei test sul sangue per stabilire il grado di stress ossidativo, oppure con validissime metodiche di autoanalisi che anche il farmacista può eseguire.

 

Un commento

  1. Buongiorno ho letto il vostro articolo in cui parlate dei radicali liberi.

    In particolare sto valutando questo aspetto, chiedendo a blogger e testate che si occupano di salute qual’è il loro punto di vista riguardo all’uso degli integratori alimentari per combattere i radicali liberi.

    Vorrei sapere la vostra opinione in merito.

    Cordialmente
    Ecletticamente.com

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*