Home / Cura del bambino / Pavor nocturnus

Pavor nocturnus

Il pavor nocturnus è un disturbo del sonno che compare, in genere, tra i 4 e i 12 anni di vita, ma può verificarsi anche prima. Si manifesta come una crisi d’ansia con reazioni da parte del bambino molto più forti rispetto all’incubo.

Di solito il pavor compare nei primi 90 minuti di sonno. Nel cuore della notte, all’improvviso, il bambino si sveglia, urla, piange, scalpita e singhiozza. Seduto in mezzo al lettino, anche se ha gli occhi spalancati, non vede e non sente nessuno, quindi a nulla valgono le parole dei genitori che cercano di consolarlo. Il corpo è madido di sudore, la frequenza cardiaca è rapidissima, il respiro affannoso e il volto pallido e spaventato. Dopo circa 15 minuti, la crisi termina e il bambino si riaddormenta , cadendo in un sonno profondo. Al mattino, non ha alcun ricordo dell’avvenuto.

Quali sono le cause del pavor nocturnus

Le cause che provocano il pavor nocturnus possono essere svariate: stimolazioni luminose o acustiche, stress, distensione vescicale, febbre, diminuzione di sali minerali. Nella maggior parte dei casi, però, le ragioni scatenanti restano sconosciute. Meglio se i genitori evitano di toccare il bambino e di avere contatti con lui. Basta parlargli sottovoce e assicurarsi che non si faccia male, visto che può capitare che i bambini si dimenino senza freni. Abbiate solo tanta pazienza, passerà.

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*