Home / Gravidanza e medicina / Aptonomia, approfondimenti

Aptonomia, approfondimenti

Il rapporto mamma – figlio si stabilisce già quando il piccolo è nella pancia. Si vedono spesso le mamme accarezzare il pancione mentre sono assorte nei loro pensieri, cercando, forse, un modo per comunicare al piccolo le proprie sensazioni. Forse non tutte sanno che esiste una “scienza del tocco“, l’aptonomia, che studia i metodi attraverso i quali la mamma, principalmente, ma anche il papà, può mettersi in contatto con il piccolo. Questa tecnica è molto conosciuta in America, ma poco praticata qui da noi. Consiste nel ripetere degli esercizi che mirano a rinsaldare il rapporto con il feto, quasi a volerlo coinvolgere dal punto di vista intellettivo e emotivo. Già quando è nella pancia, infatti, il bambino ha delle proprie caratteristiche caratteriali che saranno alla base della sua personalità e che poi si modificheranno a seconda dell’ambiente in cui crescerà e dell’educazione che riceverà.

Alcuni consigli per la pratica

Le mamme possono interloquire con il bimbo mettendo in pratica delle semplici manovre: basta stendersi e cercare di capire in quale posizione si trovi il bambino. Dopo aver capito dove si trovano i piedini e dove è, invece, la testa, immaginiamo che l’aria intorno a noi abbia un colore ben definito e respiriamo profondamente in modo che l’aria che espiriamo e inspiriamo avvolga completamente il corpicino del piccolo. Nel momento in cui il pancione sempre quasi essersi svuotato, al punto che la sagoma del piccolo sembra essere reale, lasciamoci andare in un abbraccio totalizzante. Ripetiamo lo stesso esercizio più e più volte finchè non riusciamo ad applicare l’aptonomia vera e propria. Mandiamogli pensieri di gioia e di amore e esultiamo quando sentiamo che con un calcio o con un piccolo movimento il nostro bambino ci risponde.
L’aptonomia si può cominciare a praticare sin dall’inizio della gravidanza e, quando i mesi di gestazione diventano tre, possiamo far partecipare anche il papà, così da creare un dialogo a tre in cui nessuno è escluso.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*