Home / Alimentazione in gravidanza / Anemia in gravidanza

Anemia in gravidanza

Anemia in gravidanza Sentirsi stanca in gravidanza è normale, ma non si deve ingnorare questo sintomo, perchè può indicare presenza di anemia.

L’ anemia si definisce come l’abbassamento della quantità di emoglobina presente nel sangue, cioè l’abbassamento di quella proteina che contiene ferro e svolge la funzione di trasportare ossigeno al cervello e agli altri organismi, e durante la gravidanza al feto attraverso la placenta.
In età fertile la donna ha una costante perdita di ferro, dovuta alla perdita di sangue durante il ciclo mestruale e soprattutto in gravidanza, durante il parto e l’allattamento, che causano un gran dispendio di questo elemento.

I sintomi

Una modesta carenza di ferro si manifesta con stanchezza, pallore diffuso, debolezza, sonnolenza, vertigini.
Attenzione però, tutti questi sintomi possono essere confusi con i disturbi comuni della gravidanza. Nel momento in cui il sangue non trasporta sufficiente ossigeno, perchè il livello dell’emoglobina comincia a scarseggiare, si possono presentare anche difficoltà di concentrazione o eccessivo affaticamento nello svolgere attività fisica.

Come tenerla sotto controllo

Per evitarla, occorre una diagnosi precoce: il controllo periodico dei valori di emoglobina che si fa con un normale esame del sangue (emocromo), costituisce un buon mezzo per identificare eventuali carenze in stadio iniziale.
La prima analisi sifa intorno alla 12° settimana di gestazione, la seconda tra la 28° e la 32° settimana ( emocromo e ferritina), ma inqulasiasi momento se si sospetta l’anemia, si possono fare alcune analisi per diagnosticarla.

Fonti di ferro

Prima di tutto dobbiamo distinguere due tipi di ferro: quello organico, che si trova nelle carni rosse( e in minor quantità nel pesce, nelle carni bianche e nelle uova), e il ferro inorganico che si trova nei cereali e nei vegetali.
Il ferro organico, necessario per la formazione di globuli rossi, è quello che il nostro organismo riesce ad assorbire meglio dagli alimenti, quello inorganico invece, viene assorbito in minor quantità e deve poi essere trasformato nella forma organica per poter essere utilizzato.

Vitamina C

Un ottimo trucco per aiimilare il ferro contenuto nelle verdure è quello di associarle nello stesso pasto ai cibi ricchi di vitamina C. La vitamina C incrementa del 50% l’ assorbimento del ferro inorganico.Usare succo di limone per condire o bere succo d’arancia a tavola sono ottimi modi per catturare ferro.

Cibi da evitare

, caffè, invece, possono inibire l’assorbimento del ferro, quindi non eccederenel consumo di queste bevande. La loro assunzione dovrebbe totalmente essere evitate da un’ora prima a un’ ora dopo i pasti.

Integratori

Durante la gravidanza, un eventuale stato anemico è particolarmente pericoloso, perchè responsabile di parto pretermine e nascita di bambini sottopeso. Per questo spesso il ginecolo prescrive l’utilizzo di farmaci a base di fero. ieni presente che è necessario rispettare i dosaggi, dato che un’ overdose presenta fenomeni di tossicità.

Un commento

  1. Salve io non ho l'emoglobina bassa ma l'ematocrito e il volume corpuscolare medio, significa che sono un pò anemica?sono incinta di 17 settimane.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*