Home / Parto / Parto in acqua

Parto in acqua

Sicuramente il parto in acqua è più dolce del comune parto sul lettino e il bambino vive la nascita in modo più naturale.
Leggiamo insieme i benefici del parto in acqua per te e il tuo bambino.

I vantaggi del parto in acqua

I benefici per te
L’ acqua durante il travaglio ti aiuta a raggiungere uno stato di benessere e di rilassamento, infatti la fluidità e la temperatura di circa 37 gradi, favorisce il rilascio delle endorfine, sostanze prodotte dall’ organismo antidolorifiche.
Inoltre in acqua si sente meno il peso del pancione avendo così la possibilità di trovare la  posizione migliore per il parto.
Anche la muscolatura dell’ utero risulta più rilassata, rendendo così le contrazioni meno dolorose.
I benefici per il bambino
Con questo tipo di parto il bambino passa dalla pancia al mondo esterno in modo meno traumatico; infatti finché il bambino rimane nell’ utero è avvolto e galleggia nell’ utero materno, partorendo in acqua il bambino vivrà una continuità di sensazione che infonderà al bambino un particolare senso di sicurezza.
Per quanto riguarda la mancanza di ossigeno in acqua non bisogna preoccuparsi, poiché fino a quando non verrà tagliato il cordone ombelicale, l’ apporto di ossigeno gli sarà garantito come è avvenuto per nove mesi.

Come avviene il parto in acqua

Il parto in acqua avviene in apposite vasche con una profondità minima di circa 60 cm. La temperatura dell’ acqua non deve essere troppo fredda, perchè potrebbe favorire il restringimento dei vasi sanguigni, nè troppo calda, in quanto potrebbe al contrario dilatarli, la temperatura deve essere simile a quella del liquido amniotico.
Si può scegliere se entrare nella vasca sin dalle prime fasi del travaglio, però in questo caso non si può rimanere a  lungo.
Infatti immergendosi troppo presto il contatto prolungato con l’ acqua potrebbe interrompere momentaneamente le contrazioni. In questo caso puoi anche affrontare in acqua solo il travaglio e il parto sul lettino, in ogni caso l’ immersione non può durare più di un’ ora e mezzo o due. Se in vece hai deciso di vivere in acqua anche il parto, quando nascerà il bambino l’ ostetrica ti appoggia il bimbo sul seno, taglia il cordone e aspetta l’ espulsione della placenta e annessi fetali.

Quando è sconsigliato il parto in acqua

In presenza di infezioni
Prima di partorire verrai sottoposta ad un tampone vagine per verificare se ci siano infezioni che potrebbero diffondersi nell’ acqua dopo la rottura delle membrane.
Se hai problemi di pressione.
In presenza di anomalie del tracciato cardiotocografico del feto, esame effettuato durante il travaglio che permette di registrare le contrazioni e il battito cardiaco fetale e di evidenziare una possibile sofferenza.

Principali strutture sanitarie attrezzate per il parto in acqua

Roma: Casa di cura Fabia Master
Firenze: ospedale Careggi
Milano: Ospedale dei bambini “Vittore Buzzi”, Ospedale Niguarda, Ospedale San Carlo Borromeo, Ospedale San Paolo
Torino: Ospedale Mria Vittoria, Ospedale Civile di Ciriè

 

4 commenti

  1. un’altra struttura che da tanti anni pratica il parto in acqua e che dispone di 3 vasche attrezzate è l’Ospedale La Memoria di Gavardo (BS), dove andrò a partorire fra pochi giorni …:-)

    Pamen

  2. Allora in bocca al lupo per il parto e tanti auguri per la nascita del pargoletto!
    P.S.
    Se vuoi condividere con le altre donne la tua esperienza del parto in acqua, ti invitiamo a scriverci nel Forum di EssereMamma, nella categoria Parto in acqua.così potrai consigliare a tutte le donne questo tipo di parto.

    Grazie.

  3. Il primo parto che è fatto è stato decisamente traumatico. Credo che proverò quello in acqua con il secondo. Ora sono al terzo mese…

  4. Io sono arrivata alla 36° settimana, seconda gravidanza, vorrei provare il parto in acqua ma nella mia città, nell'ospedale dove è possibile farlo, va concordata la data e quindi il parto da naturale diventa indotto. Insomma qualche giorno prima ti rompono il sacco e pianificano l'arrivo del piccolo …questo mi crea indecisione .. non vorrei complicare qualcosa di spontaneo mi date qualche consiglio!?!?!?
    Grazie infinite. Valentina

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*