Home / Cura del bambino / L’ittero neonatale

L’ittero neonatale

L'ittero neonatale

L'ittero neonatale

L’ ittero neonatale è la colorazione giallastra della pelle e delle mucose che compare ad un neonato generalmente dopo i primi giorni di vita.
Non è una malattia, non ha conseguenze sulla salute del vostro bambino,ma si può curare.
Leggiamo insieme di cosa si tratta.

Perché il mio bambino è diventato giallo?

La colorazione giallastra che assume il neonato dopo la nascita dipende da due fattori: il primo è l’incremento della produzione di biliburina dovuto alla distribuzione dell’eccesso di globuli rossi che servivano al neonato nell’utero per recepire maggior quantità di ossigeno; il secondo fattore è la capacità limitata del fegato del piccolo, ancora non matura per metabolizzare ed eliminare questo eccesso di biliburina. Per questo tale sotanza ristagna nel sangue e nei tessuti dando origine all’ittero.

Come si cura?

Normalmente nono occorre curarlo, l’unica raccomandazione è tenere il bambino i un luogo molto luminoso.
In effetti è solo questa la semplice cura di cui ha bisogno un bambino che soffre di questo disturbo fisiologico.
Sistemare i bambini in stanze molto illuminate, facendo attenzione che non abbia la luce diretta.
Se il medico riterrà opportuno ti consiglierà un latte ricco di aminoacidi essenziali e povero di grassi, e di fargli bere molta acqua, soltanto nei casi più seri ti prescriverà una cura con farmaci.

Come distinguere un ittero comune da quello patologico?

Distinguere un ittero fisiologico, che appare come conseguenza della nascita e dell’immaturità del fegato, da un ittero patologico, causato da fattori più complessi, è assegnato ai medici, per mezzo di analisi e studi clinici.

Considerando che il tasso di bilirubina totale che normalmente corrisponde all’intensità del colore della pelle, se il colore della pelle del bambino aumenta rapidamente e presenta un colore giallo o verde-verdastro,se dura più di una settimana ed è accompagnato da altri sintomi, consultate subito il medico.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*