Home / Gravidanza e medicina / Inseminazione artificiale:quando si deve scegliere

Inseminazione artificiale:quando si deve scegliere

L'inseminazione artificiale, quando si ricorre e quali sono le fasi?Le coppie che hanno difficoltà a concepire un bambino, oggi si vedono proporre differenti metodi e tecniche di assistenza per la procreazione assistita.

Prima di tutti appare l’ inseminazione artificiale , alla quale fanno riferimento molte coppie.

Che cosa è l’ inseminazione artificiale?

L’ inseminazione artificiale consiste nel depositare lo sperma del proprio compagno o del donatore, nell’ utero della donna, al fine di avvicinare gl i spermatozoi all’ ovulo e facilitarne così l’ incontro.
Spesso questa manipolazione è associata ad una stimolazione degli ovuli, per aumentare gli esiti positivi del risultato.

Per chi è indicata l’inseminazione artificiale?

Gli specialisti decidono e consigliano di procedere con una inseminazione artificiale, quando uno dei due partner in una coppia presentano dei problemi di fertilità o fecondità. Nelle donne questo problema si può manifestare con delle anomalie al livello del collo dell’ utero, negli uomini con un basso numero di quantità di spermatozoi o con dei problemi legati all’ eiaculazione.
L’ inseminazione artificiale è consigliata anche quando la stimolazione ovarina non è sufficiente per il concepimento.
Le coppie che intendono ricorrere all’ inseminazione artificiale, devono tuttavia soddisfare delle condizioni ben specifiche, imposte dal codice della salute pubblica: coppie di maggiorenni di sesso diverso, coniugate o conviventi, in eta’ potenzialmente fertile, entrambi viventi.

Le fasi dell’inseminazione artificiale

Inizialmente ciascuno dei due coniugi, procede con degli esami che stabiliscano le cause dell’ infecondità.
In seguito i medici studiano il cilclo della donna: essi stimolano le ovaia prima dell’ovulazione, per conoscere precisamente il momento ideale per introdurre gli spermatozoi.
Tutto questo processo è sorvegliato da una serie di ecografie e di dosaggi ormonali.
Circa 36 ore dopo l’ inizio dell’ovulazione, i medici procedono all’ inseminazione, con lo sperma raccolto dal compagno della donna o dal donatore, il giorno stesso, e selezionato gli spermatozoi i più adatti a provocare la fecondazione.
L’inseminazione è un atto molto semplice poichè si fa naturalmente, la paziente può tornare a casa già dopo essere rimasta per circa mezz’ora supina.

Dopo questa fase iniziale, il cammmino della neo gravidanza della donna è seguito passo dopo passo dagli specialisti, con ecografie e controlli periodici.

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*