Home / Cura del bambino / Linee guida generali per lo svezzamento

Linee guida generali per lo svezzamento

Lo svezzamento può iniziare intorno al quinto/sesto mese, anche se spesso si inizia ad abituare il bambino ai cibi solidi con un po’ di frutta già dal quarto mese.

Io personalmente ho iniziato con la mela grattugiata già dal quarto mese, con la quale sostituivo la poppata del primo pomeriggio, in seguito, dopo neanche un mese, ho introdotto una seconda pappa(la pappa lattea) al posto della poppata serale.

Ricordo che la prima mela grattugiata era stata gradita molto dal mio Cicci, forse perchè era fresca e dolce e in piena estate era proprio buona.
Non bisogna avere fretta durante lo svezzamento, soprattutto all’ inizio; la prima pappa non è altro che un serie di assaggi per abituare alla consistenza e al sapore degli nuovi cibi.

Non bisogna avere la pretesa che finisca tutto.

Ricordo che io ho avuto proprio questa pretesa, e il fatto che Cicci non abbia finito la sua prima vera pappina di crema di riso con verdurine frullate era per me un fallimento, non mi ero resa conto che per lui era tutto nuovo e non poteva di certo, da subito, leccarsi il piatto.

Poi compresi la sua difficoltà procurata dai nuovi sapori, dalla consistenza dei cibi diversa da quella del latte che lo ha nutrito per mesi, e non ho più vissuto i suoi “avanzi” come un fallimento; comunque una volta preso il via queste difficoltà svaniscono, e per fortuna il mio Cicci è stato sin dall’inizio un buon gustaio, sempre pronto ai nuovi gusti.

Io ho capito che “l’ingrediente” necessario durante lo svezzamento è la calma, la flessibilità, la naturalezza e soprattutto tanta serenità, perchè l’ansia è percepita dal nostro bambino, il quale ne potrebbe risentire e rifiutare il cambiamento della sua dieta.

Bisogna procedere gradualmente con i nuovi sapori e con le quantità, cercare di proporre un alimento per volta e a giuste dosi; ricordiamoci che il primo ostacolo per lui potrebbe essere il cucchiaino, il quale all’ inizio deve essere posto tra le labbra e non in bocca, proprio come una tettarella da succhiare.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*